Le conseguenze della fame chimica

fame chimica patatine

Oh ragazzi, non andate mai da Peck fatti. Domani parto per Madrid con la mia amica Terry.
Ospiti da un suo amico volevo portare un regalo ma in aereo è difficile. Questo lo conosco pure poco. Decido di portargli una prelibatezza gastronomica ché quelle, ai fuori sede, fanno sempre tanto piacere. Decido Peck. Vado da Peck.
Mi faccio mezza canna perché ho tempo, porto pure giù la spazzatura e mi incammino, ma poi compro un biglietto e prendo un tram.
Panico sul tram perché pensavo di non avere il biglietto. Timbro il biglietto, ma la macchinetta è per sole tessere. Panico pure per quello.
Alla fine non mi ammanettano e non mi sbattono in gattabuia, arrivo da Peck mentre mi metto il biglietto pulito nella tasca di dietro. Entro da Peck. Luci dorate e distese di tè un po’ dispersive. Insomma inizio a camminare. Tutto vuoto. Tutti un buonasera. C’è una persona per banco. Soltanto all’entrata si contano tre banchi. Il pane. Poi la carne, la frutta, i salumi, la gastronomia, i formaggi, le casse sparse qua e là. Fate un po’ voi il conto dei buonasera.
Pensa se eravamo in due.
Il barattolame mi delude. Cerco qualcosa di costoso ma all’inizio solo distese di mieli e confetture. Spremono pure i capperi. Alla fine adocchio una bella fettona di Parmigiano Reggiano e scelgo pure quello più stagionato. Poi inizio a chiedere altro. Ci vorrebbe un salume. Il gentile signore che mi aveva detto buonasera mi consiglia una bresaola di manzo di loro produzione. Perfetta, un pezzettone. Pure sottovuoto, come il Parmigiano. Questi mi leggono nel pensiero. Non c’è due senza tre quindi prendo mezza forma di pecorino di Fossa. Bello duro fuori e morbido dentro.
Allora lei vada a pagare mentre io le metto sottovuoto pure il pecorino e le faccio un pacchetto. Ovviamente gli avevo raccontato la mia vita. Pure che partivo per Madrid. Mi dà lo scontrino. Mi avvio alla cassa. Mi cade un occhio sullo scontrino. Mi si ferma il cuore per un momento.
Oh ragazzi, non andate mai da Peck fatti.

Be the first to comment

Leave a Reply